L’artista australiano Baden Pailthorpe ha sfruttato il motore di un videogioco di guerra (chi lo riconosce?) per creare lunghissime file di soldati che marciano nell’infinito, come se non ci fosse un domani. C’è grande quiete in questo ondeggiare, tutto il contrario della guerra rumorosa che dovrebbe impegnarli.

Qui trovate i video.

Share Button